Salve a tutti, in questa pagina cerco di raccontare la mia esperienza "poca" riferito all'accoppiatore Wilkinson.

Tutto nasce da una richiesta di un grande Team della zona 3 che mi ha chiesto un accoppiatore per poter pilotare da 2 a 4 SSPA , usando la potenza di un transverter circa 25 Watt Max.

L’accoppiatore servirà solo nella parte IN degli sspa perché ogni sspa avrà il suo gruppo di antenne.

La strada più semplice da fare è usare cavo da 75 Ohm e una resistenza da 100 Ohm anche di bassa potenza in dettaglio ho usato RG 179 e delle resistenze della RF Florida da 250 Watt.

L’altra strada era quella di realizzare un Wilkinson su PCB ma la cosa si sarebbe complicata e rallentata nella realizzazione “visto che sono molto pigro” …. Ma non mancherà la mia descrizione anche di un progetto simile ….

Ho pensato di fare un accoppiatore Wilkinson per il sistema a due SSPA ... e di fare un doppio Wilkinson per accoppiare i 4 SSPA.

La prima cosa che ho fatto è quella di recuperare una scatoletta metallica dove poter inserire i tre connettori N e la resistenza da 100 Ohm, ho trovato delle scatolette della Teko mod. 3/B.1 per fare il Wilkinson come quello che dovevo realizzare questi contenitori si prestano molto bene, in particolar modo che le potenze in gioco sono di massimo 100 Watt

Altra cosa molto importante è quella di tagliare due pezzi di cavo da 75 Ohm il più precisi possibili, ho usato la solita formula 300/F=/4*fv.

Per essere ancora più preciso ho voluto misurare questo pezzo di cavo e misurandolo come se fosse un Notch filter lungo 1/4 d'onda con una estremità cortocircuitata.... "la spiegazione di questa procedura a breve la inserisco nella categoria Filtri - Notch Filter" Il tutto si può fare usando un normalissimo MFJ 259. cosa molto importante che lo stub è "utile" da inizio calza a inizio calza proprio dove finisce la guaina esterna del cavo .... se per una questione di realizzo non di rispetti questa misura il wilkinson o lo stub non sarà tarato nella frequenza voluta.

Una volta aver fatto questa procedura per entrambi i pezzi di cavo li ho stagnati come schema e fatto la misura sempre usando  mfj 259.

 

Qui a fianco si vede lo schema di un Wilkinson realizzato con cavo coassiale a 75 Ohm c'è molto poco da dire si trattano di due spezzoni di cavo calcolati con la formula:

300/F = /4 * fv

come di può capire la lunghezza di ogni cavo sara 1/4 d'onda * Fattore di velocità del cavo 

 

 

 

 

Fig.1

Questo è il Wilkinson in cavo coassiale realizzato come si nota effettivamente sono 2 Wilkinson

1° con due uscite

2° è un doppio Wilkinson

Come si vede in foto in questa configurazione si ha un connettore IN e 4 connettori OUT.

 

L'solamento tra le porte è > 23 dB

Girando in rete mi sono imbattuto in una realizzazione di un Wilkinson con condensatori e induttanze, il progetto era per i 50 Mhz … dopo un accurato “almeno spero” studio mi sono rinfrescato le idee sulla REATTANZA CAPACITIVA E INDUTTIVA, la spiegazione non è molto semplice, mi sono almeno spero limitato ad applicare le formule e a quanto pare i conti tornano, a breve inserirò il tutto

 

Salve a tutti nuovamente

In questi giorni mi sono dedicato a realizzare un prototipo di Wilkinson come lo presenta F1TE nel suo sito " http://www.f1te.org/index.php/realisation/amplificateurs/projet-sspa-144-mhz/diviser-par-trois"

Quello che ho fatto è realizzare le due induttanze di circa 78 nH la mia scelta è stata di avvolgere circa 3 spire di filo diametro 1.5 mm per trasformatori su un supporto di 10 mm.

Una volta realizzato le due induttanze e recuperato le resistenze e condensatori mi sono dedicato al PCB ma in versione veramente da test e capire se la realizzazione fosse semplice da fare e da ripetere, quello che posso dire è che la realizzazione la pensavo molto più complicata.

Una volta realizzato il tutto il primo test non è stato incoraggiante perché chiudendo le due uscite su carico da 50 Ohm e in ingresso collegando l’ Mfj 259 ho misurato che il minore RL era a 125 Mhz e dove mi interessava a me cioè 144.300 avevo circa -11dB di RL (circa 1.7 Ros).

Ma il primo test fu fatto veramente molto veloce e con il PCB non chiuso, successivamente ho realizzato una piccola scatoletta con dei ritagli di pcb singola faccia, è ripetuto la misura e già con questa modifica il Ros era sceso a 1,5 a 144.300, a questo punto altro cosa da fare era quello di accordare il circuito e non ho fatto altro che allargare le due induttanze fino ad arrivare ai risultati che si vedono in foto … a mio avviso molto buoni ….

Cosa da precisare che questo Wilkinson potrà sopportare massimo una 20 di Watt ma andrebbe molto bene per realizzare l’accoppiatore IN di una eventuale accoppiata di SSPA.

A seguire inserirò ulteriori misure e vediamo a quanto ammonta l’isolamento tra le due porte … che alla fine è il parametro che più interessa in questa realizzazione …

 

Saluti Alex

Qui a fianco è la mia realizzazione del Wilkinson ... è veramente un prototipo e posso confermare che è veramente brutto da vedere scusatemi per la realizzazione ....

Questa è la misura finale che ho fatto grazie al piccol Mfj 259 sembra che funzioni e come ho già scritto l'accoppiamento è buono ....

Porta 1 e 2 la misura è identica

Questa foto raffigura l'isolamento tra la porta 1 e la porta 2 ....

Wilkinson come fig.1 qui a fianco si vede la "perdita" tra ingresso e uscita a 144 Mhz

Wilkinson come fig.1 a fianco si vede la "perdita" tra ingresso e uscita a 432

Isolamento tra le due porto di un Wilkinson come fig.1 a 144 Mhz

a 432 Mhz l'isolamento scende a circa 19 dB

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti